Successioni Internazionali - Eredità Giacenti - Studio Avvocato Bertello

Studio Avvocato Bertello
Studio Avvocato Bertello
Vai ai contenuti
SUCCESSIONI INTERNAZIONALI–EREDITA’ GIACENTI
Lo Studio Avvocato Bertello-Associazione Professionale, è stata fondato dall’avvocato Ugo Bertello dopo il conseguimento, nell’anno 1964, della laurea in giurisprudenza presso l’Università degli studi di Torino, con tesi in diritto internazionale privato.
L’approfondimento di tale materia e la pratica acquisita nel corso di frequenti trasferimenti e permanenze all’estero, ha consentito tanto all’avvocato Bertello personalmente, quanto ai professionisti che sono entrati a far parte dello Studio, di acquisire particolare dimestichezza nelle pratiche concernenti cittadini italiani con beni ed interessi all’ estero, nonché soggetti stranieri, privati e società, con attività in Italia.
L’avvocato Bertello, poi, essendo da oltre trent’anni vice presidente della Federazione Internazionale delle Associazioni Piemontesi nel Mondo, fondata e tuttora presieduta dal Gr. Uff. Michele Colombino, ha avuto modo di conoscere ed essere conosciuto da una moltitudine di figli, nipoti e pronipoti di piemontesi emigrati in Sud America, soprattutto in Argentina, Uruguay e Brasile negli ultimi decenni dell’800 e nei primi del ‘900, che hanno costituito centinaia di Associazioni Piemontesi in quei Paesi, facenti capo alla Federazione.
Dei rapporti con i “piemontesi” d’Argentina, in particolare, l’avvocato Bertello ha diffusamente trattato nei due libri pubblicati il primo, ARGENTINA  il sogno e la realtà, nel 2003 e PIEMONTE-ARGENTINA andata e ritorno, nel 2013.
Tra le altre attività svolte e materie trattate, da decenni lo Studio, direttamente dalla sede principale in Torino e dalle sedi distaccate in Italia ed in Argentina, a Buenos Aires, nonché tramite corrispondenti all’ estero,  si dedica all’assistenza stragiudiziale ed alla difesa in fase giudiziale di clienti coinvolti in controversie successorie.
Tenuto conto che  nella legislazione italiana (articolo 572 del Codice civile),  la successione ha luogo tra i parenti sino al sesto grado ed in quella argentina, ad esempio, sino al quarto grado (articolo 3545 del Código civil riformato nel 1985: prima anche là era prevista sino al sesto grado), accade sovente che persone d’origine italiana residenti all’estero siano informate del decesso di parenti rimasti in Italia, dei quali, in mancanza di eredi diretti, vengono esse ad assumete la qualità di successibili; o, viceversa, che cittadini italiani si trovino ad essere eredi di parenti emigrati all’estero, che in molti casi non hanno mai conosciuto.
Talvolta e non di rado, può invece succedere che della persona che muore, in Italia o altrove, lasciando beni immobili e mobili o depositi bancari, non si conoscano gli eventuali successibili: in tali casi viene a verificarsi la situazione di eredità giacente, disciplinata in Italia dagli articoli 528 e seguenti del Codice civile ed in Argentina, la sucesión vacante,  dagli articoli 3539 e seguenti del Código civil.  Al termine della procedura, che inizia con la nomina di un curatore da parte del Tribunale, se nessuno si è fatto vivo per far valere i diritti che possano competergli, l’eredità è devoluta allo Stato (articolo 586 del Codice civile italiano, articolo 3544 del Código civil argentino).
In un recente articolo apparso sul quotidiano argentino LA NACION si legge di come si sia potuto accertare che milioni di euro di eredità lasciate da cittadini italiani e spagnoli ogni anno finiscano nelle casse dello Stato anziché ai legittimi eredi che per la maggior parte vivono in Argentina, ignorando l’esistenza dei lontani parenti in Europa: si tratta di nipoti,
pronipoti e cugini di persone emigrate in Sud America, particolarmente in Argentina, appunto, che col passare degli anni e dei decenni, hanno perso i contatti con i parenti rimasti in madrepatria.
Altrettanto, anche se meno frequentemente, accade che si aprano oltreoceano eredità giacenti di persone che, pur avendo fatto fortuna, non si sono formate una famiglia oppure i loro parenti sono premorti: persone che non hanno mai saputo o non hanno lasciato detto prima di morire, di avere parenti, anche se di grado lontano, in Italia o in Spagna.
Tanto nel primo, quanto nel secondo caso, è ben difficile che vengano fatte ricerche, da parte di Consolati o soggetti privati, per tentare di rinvenire eventuali possibili eredi del defunto.
Ed è proprio per supplire a tale carenza e far sì che chi può averne diritto acquisisca l’eredità, lo Studio si è organizzato per scoprire le eredità giacenti, sia in Italia che in Argentina ed in altri Paesi d’America, ricercare i probabili successibili e svolgere tutte le pratiche necessarie per far conseguire loro la proprietà dei beni costituenti l’asse ereditario.
Ovviamente l’attività dello Studio dovrà essere retribuita, tenendo conto delle spese da  anticipare e dell’attività da prestare, ma il tutto formerà oggetto di un dettagliato preventivo che verrà sottoposto ai possibili clienti da assistere.
Creato da Cornati Informatica S.r.l.s.

Studio Avvocato Bertello
     
Partita IVA: IT05849210017

Privacy Policy  e Cookie
Torna ai contenuti